Suryodaya - Sole che nasce

Vai ai contenuti

Menu principale:

Suryodaya

Opere > India

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________________


SURYODAYA


Il Suryodaya Boys Center, da cui prende il nome la nostra Associazione, è la terza opera nella città di Bangalore. Sorge nel 1998 ed è pensata come centro di assistenza per ragazzi. E' costituito da quattro case famiglia. L'attività consiste nell'accoglienza di minori. E' in corso anche una certa collaborazione con le Suore di San Francesco di Sales per l'assistenza a bambine sorelle di nostri assistiti.
Da qualche anno a questa parte è stata costruita, con il contributo di benefattori italiani, una panetteria, che serve le nostre comunità e diversi negozi e attualmente anche il  Cafè Fontana aperto proprio a Suryodaya.
In essa sono impegnati alcuni giovani maggiorenni (ex del centro) per avviamento al lavoro. Sempre con il contributo di alcuni benefattori, si è dato inizio anche ad una piccola fattoria con mucche, capre e animali da cortile. Con essa si raggiunge un duplice scopo: un aiuto per il sostentamento e un avvio al lavoro per i ragazzi che sono presenti nell'opera.
Questa comunità religiosa, è aperta a diverse attività secondarie: accoglienza per brevi periodi di amici-conoscenti-volontari provenienti principalmente dall'Italia (soprattutto nel periodo estivo italiano); incontri con gruppetti di giovani che compiono master di economia e managerialità di alcune università di Bangolore.
E' un'opera in grande fermento: a breve dovrebbero essere terminate la casa dei ragazzi più grandi e la scuola professionale per offrire anche una possibilità d'impiego. Nel prossimo giugno, inoltre, partirà anche una scuola in preparazione al college. Nella stessa comunità è presente il seminario minore per giovani provenienti da diversi stati dell'india, per il primo approccio con la congregazione, in questo periodo si dedicano esclusivamente all'apprendimento della lingua inglese.


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu